Associazione Spagnolli Bazzoni o.n.l.u.s.

Per capire non basta "sapere" occorre "fare". Con coraggio

1
Featured

Associazione Spagnolli-Bazzoni o.n.l.u.s.

Aiutiamo il Nepal!

PDFStampaE-mail
James with Ashish4


Un gruppo di amici di Rovereto (che fa riferimento a Gianni Cainelli) ci ha chiesto di fare da punto d'appoggio per sostenere James!
 
Hanno diffuso la seguente comunicazione:
 
 
Cari amici,
ho ricevuto la relazione di James sulla situazione a Kathmandu dopo il terremoto. Nell'impossibilità di inviare alimenti, tende ecc. pensiamo di raccogliere denaro da tutti i nostri amici e di inviarlo al più presto a lui per le necessità più urgenti del suo rione e per i suoi bambini come potete leggere nella sua lettera.
Per ricevere le vostre offerte abbiamo chiesto l'appoggio dei nostri amici dell' Ass Spagnolli Bazzoni O.N.L.U.S. e pertanto vi presento le coordinate bancarie:
 
ASSOCIAZIONE SPAGNOLLI BAZZONI O.N.L.U.S.
CASSA RURALE ROVERETO
IT 29 I082 1020 8000 0000 0124 162
 
CAUSALE per il versamento, semplicemente: PER JAMES TERREMOTO NEPAL
 
Tutte le donazioni saranno inviate all’associazione diretta da James “Save the shangri-la Foundation”. Successivamente vi verrà inviato un resoconto.
Con le parole della Santa Madre Teresa di Calcutta: TUTTO QUELLO CHE NON E' DONATO VA PERDUTO vi ringrazio di tutto cuore per la vostra generosità”
 
Gianni Cainelli
 

 
In breve ecco la storia di James:
 
James Luitel aveva 8 anni quando suo padre lo condusse da Kipling, il loro villaggio, fino a Katmandu per poterlo mandare a scuola e dargli così una possibilità per il suo futuro. Lì però James non si dedicò allo studio, ma iniziò a lavorare in un ristorante e a frequentare compagnie poco raccomandabili.
La svolta della sua vita avvenne mentre un poliziotto lo stava conducendo in prigione: incontrarono un missionario australiano dell’associazione “Famiglie Cristiane” che per testimoniare il Vangelo viveva con i più poveri. Il missionario convinse il poliziotto ad affidargli il ragazzo e lo accolse nella sua comunità.
Qui James conobbe la fede e l’amore della sua nuova famiglia, e dopo qualche anno decise di dedicarsi al prossimo per restituire tutto il bene che aveva ricevuto.
Nella comunità di Delhi della “Famiglie Cristiane” conobbe Paola Donati. Originaria della provincia di Bergamo era partita per l'India a 20 anni con alcuni amici (tra i quali alcuni trentini) per vivere il Vangelo tra i più poveri negli ospedali, nelle carceri, nelle baraccopoli, sulle strade e nelle scuole di Delhi.
Lei iniziò a seguire James (che all’epoca aveva 15 anni) con grande amore, insegnandogli i valori di una vita vissuta come dono per gli altri e aiutandolo a divenire un ragazzo in gamba.
15 anni dopo James si era ormai fatto missionario e assieme a Paola, tornata in Nepal dopo un periodo in Italia, si recò a Katmandu con l’intenzione di aiutare i bambini che venivano dai villaggi senza nessuna istruzione (pensavano che le automobili e le corriere fossero dei mostri che divoravano le persone) e accoglierli negli ostelli o in case di accoglienza per proteggerli ed evitare loro la sua infanzia sfruttata e le sue sofferenze.
Tutto stava iniziando a realizzarsi quando improvvisamente una mattina Paola morì d'infarto. James si trovò solo nel suo dolore, ma dopo un periodo di smarrimento riprese coraggio e continuò il progetto, forte nella sua fede e nel suo amore per i più piccoli e indifesi.
 
Quest’opera umanitaria prosegue tutt’ora: un collegio per ospitare chi è senza un alloggio, un programma di aiuto scolastico pomeridiano (che coinvolge 4 scuole e 120 studenti, grazie all’aiuto di 4 tutors) e la realizzazione di una piccola biblioteca con testi colorati e interessanti che stimolano la curiosità dei bambini e il loro desiderio di imparare.
 
Il terremoto
I forti terremoti che di recente hanno colpito il Nepal hanno creato un vero caos e la situazione è seriamente problematica. Per fortuna tutti i bambini accolti da James sono salvi, anche se molti vivono all’aperto con le loro famiglie perché le loro case sono andate distrutte e la maggior parte del bestiame è morta o dispersa, perciò le possibilità di sostentamento di questa gente sono incredibilmente diminuite. Servono cibo, vestiti, coperte e tende per poter avere un luogo dove trovare riparo.
 
Per questo la nostra Associazione, in collaborazione con APIBiMI, si è messa a disposizione per promuovere questa urgente opera umanitaria.
Le donazioni saranno devolute all'associazione “Save the Shangri-la Foundation” fondata da James.
 
Le coordinate bancarie a cui effettuare la donazione sono:
 
ASSOCIAZIONE SPAGNOLLI BAZZONI O.N.L.U.S.
CASSA RURALE ROVERETO
IT 29 I082 1020 8000 0000 0124 162
 
Con causale: PER JAMES TERREMOTO NEPAL